TITOLO 3

DISPOSIZIONI PER L' ATTIVITA’ DELLA PESCA SPORTIVA

Art.18 - Disposizioni generali sulla pesca sportiva
Art.19 -
Tipologia dell’utenza per la pesca sportiva
Art.20 -
Tipologia degli attrezzi consentiti per la pesca sportiva
Art .21 -
Modalità di svolgimento dell’attività di pesca sportiva
Art.22 - Disciplina delle catture
Art.23
-
Rilascio di autorizzazione per l’attività della pesca sportiva

  

Art.18 - Disposizioni generali sulla pesca sportiva

E’ consentita la pratica della pesca sportiva nelle Zone C dell’Area Marina Protetta, come individuate nell’art. 2 del presente disciplinare, secondo le modalità riportate negli articoli seguenti. E’ vietata la pratica della pesca sportiva nelle zone “A”, nelle zone “B” e nei corridoi di accesso e di transito, come individuati nell’Art.2 del presente disciplinare. Sono altresì vietate le gare di pesca sportiva.

 

Art.19 - Tipologia dell’utenza per la pesca sportiva

 Si individuano le seguenti utenze per la pesca sportiva:

a)     Pescatori sportivi residenti nei Comuni del Consorzio di Gestione, di seguito denominati “Residenti”;

b)     Pescatori sportivi non residenti nei Comuni del Consorzio di Gestione di seguito denominati “Non Residenti”.

  

Art.20 - Tipologia degli attrezzi consentiti per la pesca sportiva

 E’ consentito (nelle Zone “C”) l’utilizzo dei seguenti attrezzi:

 a)   Coppo o bilancia;

b)    Canne singole da lancio o lenza fisse, da terra o da barca, a non più di due ami;

c)    Bolentino anche con canna a mulinello a non più di due ami;

d)    lenze per cefalopodi;

e)    Canne e lenze a traino di superficie e di fondo a non più di due ami per canna o lenza.

 

 Art.21 Modalità di svolgimento dell’attività di pesca sportiva

 L’attività di pesca sportiva è soggetta al rilascio di autorizzazione da parte dell’Ente Gestore.

Sono esentati i minori di anni quattordici se accompagnati da maggiorenne autorizzato.

La pesca sportiva può essere praticata sia a bordo di imbarcazioni che da terra, con gli attrezzi previsti dall’Art.20, secondo le seguenti limitazioni:

 a)     coppo o bilancia in numero massimo di un attrezzo per pescatore sportivo autorizzato;

b)     canne singole da lancio, lenze fisse, canne a mulinello a non più di due ami ed in numero massimo di due attrezzi per pescatore sportivo autorizzato;

c)      canne e lenze per la pesca a traino di superficie e di fondo in numero massimo di due attrezzi per pescatore sportivo autorizzato.

Per tutto quanto concerne le modalità di utilizzo ed i limiti degli attrezzi previsti nei presenti articoli si fa riferimento al Capo IV della Pesca Sportiva del Regolamento per l’esecuzione della Legge n. 963 del 14 luglio 1965, concernente la disciplina della pesca marittima e successive modifiche ed integrazioni.

 

Art.22 - Disciplina delle catture

 Al pescatore sportivo non è consentito catturare prede di peso complessivo superiore a chilogrammi tre al giorno, limite superabile soltanto per la cattura di un singolo esemplare.

Sono vietati la cattura o il prelievo delle seguenti specie:

Cernia bruna (Epinephelus Guaza);

Corvina (Sciaena umbra);

Magnosa (Scyllarides Latus).

Sono vietate la cattura ed il prelievo di individui giovani come definiti dalla normativa vigente.

L’Ente Gestore si riserva comunque di assumere in materia ulteriori provvedimenti, di carattere temporaneo o permanente, finalizzati al divieto od alla limitazione di attività ritenute incompatibili con le esigenze di tutela del patrimonio marino dell’Area Protetta.

 

 Art.23 - Rilascio di autorizzazione per l’attività della pesca sportiva

 All’istanza di autorizzazione in bollo sono allegate:

1.      due fotografie di cui una autenticata;

2.      dichiarazione riportante la residenza, i dati anagrafici del richiedente e la liberatoria al trattamento dei dati personali ai sensi della Legge n.675/1996 ;

3.      ricevuta del pagamento del canone;

4.      copia di un documento di riconoscimento del richiedente

5.      dichiarazione di assunzione delle responsabilità.

 Le tariffe e le modalità di pagamento saranno stabilite con determinazione dell’Ente Gestore e graduate con importo decrescente di onerosità come segue:

a)            Non Residenti;

b)            Residenti.

Le autorizzazioni avranno durata annuale o semestrale e devono essere custodite a bordo ed esibite agli organi di controllo.